Nadia Baldi firma la regia del testo più celebre di Annibale Ruccello, del 1986, recitato in lingua napoletana e manifesto del suo teatro, con ambienti pervasi d’ambiguità, pulsioni sessuali, personaggi borderline rigurgitati da un mondo in cerca di riscatto.