Nel giugno del 1968, mentre nel mondo infiammava la Contestazione e giovani e intellettuali chiedevano più libertà e diritti, in Italia si apriva un processo medioevale ad Aldo Braibanti, ex-partigiano, artista, filosofo e omosessuale, per aver “plagiato” il ventunenne Giovanni Sanfratello.