Una donna emancipata e ricca di temperamento si innamora di un uomo molto più giovane di lei. Il racconto della passione e della necessità di volersi affrancare dall’ipocrisia della vita ci immerge nelle atmosfere neorealistiche della quotidianità dei cortili nella Milano industriale del secondo Dopoguerra.