A cinquant’anni dall’inizio dei movimenti di contestazione giovanile, un incontro che ripercorre quei momenti mettendo in luce il contrastato rapporto tra le istituzioni scolastiche, gli studenti e le istituzioni preposte alla sicurezza. I documenti conservati nell’Archivio di Stato di Milano raccontano spaccati di vita quotidiana nella spensieratezza di una gioventù impegnata a mettere in discussione il potere nei modi più creativi e dissacranti.