La mostra, curata da Walter Rovere, è un omaggio al compositore Pietro Grossi, pioniere della computer music e titolare nel 1965 della prima cattedra in Italia di musica elettronica presso il Conservatorio di Firenze
A 101 anni dalla sua nascita, un’esposizione con una selezione di lavori di computer art montati personalmente da Grossi su pannelli nel corso degli anni ’90.